Tumori maligni

Le palpebre sono strutture di importanza cruciale per la salute dell’occhio, cui forniscono protezione fisica, nella fase di chiusura, e biologica, grazie ai contenuti delle secrezioni ghiandolari. La loro complessa struttura anatomica prevede uno strato superficiale (pelle), un livello muscolare, uno ghiandolare e uno profondo (tarso e congiuntiva) (Figura 1).

neoformazioni_01

Figura 1. Visione frontale (a) e anatomia in sezione (b) delle palpebre

Le formazioni di nuovo tessuto, di comparsa più o meno recente, a carico delle palpebre interessano frequentemente la pratica clinica dell’oculista, che spesso deve consultare la competenza dermatologica o chirurgo-plastica per un completo inquadramento diagnostico, prognostico e terapeutico. Le modalità di presentazione clinica delle neoformazioni palpebrali, infatti, sono assai difformi, variando da lesioni infiammatorie-infettive, capaci a volte di completa risoluzione spontanea, a neoplasie benigne, poco o nulla aggressive, sino a veri e propri tumori maligni, primari o secondari (metastasi). Solo in rari casi, per fortuna, possono minacciare la vita e/o la funzione visiva.

Neoformazioni maligne
Il Basalioma (carcinoma basocellulare) è la più frequente neoplasia maligna delle palpebre dopo i 50 anni, che interessa di solito nelle zone vicine al canto interno. Si tratta di noduli duri ad evoluzione estremamente lenta (anni), facile ad ulcerarsi e al sanguinamento, con arrossamenti e perdita di ciglia (Figura 7 a, b). Sebbene non metastatizzi quasi mai, può avere una malignità locale assai aggressiva.

Lo Spinalioma (carcinoma spinocellulare o a cellule squamose) è una forma di cancro più rara ma più aggressiva, caratterizzata da rapida crescita sia in superficie che in profondità e dalla capacità di dare metastasi ai linfonodi preauricolari e sottomandibolari. L’aspetto è più elevato, arrossato e ulcerato del basalioma (figura 7c). Può originare da una cheratosi attinica. La palpebra più colpita è la superiore, specialmente il 3° esterno
I carcinomi vanno trattati chirurgicamente senza indugi, estendendo i margini della resezione al tessuto sano circostante e chiedendo la conferma dell’esame istologico. Nei rari casi di eccessiva evoluzione che impedisce l’approccio chirurgico, si ricorre alla radioterapia e alla crioterapia.

neoformazioni_07

Figura 7. Basalioma con ulcerazione e perdita di ciglia (a, b) e spinalioma (c) della palpebra inferiore

L’Adenocarcinoma Sebaceo (origina dalle ghiandole di Meibomio) è raro, e spesso confuso con un calazio che recidiva dopo l’exeresi o una blefarite recalcitrante alla terapia in pazienti anziani. Predilige la palpebra superiore (Figura 8), ha invasività prevalentemente locale ma metastatizza ai linfonodi satellite, ma anche per via ematica a polmoni, fegato e ossa. Diagnosi tempestiva e una chirurgia demolitiva sono necessari per salvare la vita del paziente.

neoformazioni_08

Figura 8. Adenocarcinoma sebaceo (a, b) e melanoma del bordo palpebrale (c)

Bisogna sempre pensare al Melanoma, il più maligno dei tumori, sebbene la sua localizzazione palpebrale sia rara (Figura 8 c), di fronte ad una lesione pigmentata, soprattutto se questa cambia repentinamente dimensione, forma e colore, anche se le ipotesi statisticamente più probabili sono il nevo benigno (ma il melanoma può insorgere su una vecchia lesione pigmentata, apparentemente tranquilla) e il basalioma.  Più frequente nei soggetti con carnagione chiara, richiede sempre la biopsia escissionale e una valutazione oncologica sistemica delle possibili estensioni a distanza.

Non sono infrequenti infine le localizzazioni alle palpebre dei Linfomi non-Hodgkin (Figura 9), il più spesso del tipo B-cellulare. La diagnosi istologica sul prelievo bioptico indirizza verso una chemioterapia sistemica o una radioterapia, con buone probabilità di successo. Il paziente va affidato all’oncologo.

neoformazioni_09

Figura 9. Esordio palpebrale di un linfoma